Insonnia

Ciclo di incontri

Copia di Copia di Copia di Incontro Gratuito di Presentazione 08012022 (1).png

In questo percorso, vi proporremo:

-Un confronto sulle singole esperienze personali riguardanti il sonno, perché spesso è difficile trovare qualcuno che riesca a comprenderci appieno se non ha vissuto il nostro stesso dilemma;

-Degli esercizi di rilassamento da utilizzare prima di andare a dormire che permetteranno una maggiore facilità nell’ingresso del mondo dei sogni;

-Un’esplorazione che dà attenzione ad ogni singola esperienza individuale al fine di integrare la teoria e le tecniche ad ogni singola situazione personale.

Il sonno è l'essere più innocente che ci sia e l’uomo insonne il più colpevole” scrisse Kafka, portandoci a riflettere sullo stato di benessere e beatitudine assoluti sperimentati durante il sonno e, allo stesso tempo, sul peso portato sulle spalle di coloro che non riescono ad assolversi per  le intemperanze commesse durante la giornata o durante il corso della loro esistenza. Se il sogno è la porta verso l'inconscio, ecco svelarsi il motivo di tanto timore nei confronti dell’addormentamento, primo passo obbligato verso questo capezzale.

E così, spesso, la rabbia e la frustrazione si tramutano in pensieri che inondano la nostra mente portandoci alla deriva e lasciandoci senza forze ne’ speranze.

Ogni battito del petto diventa un rumore assordante e ogni imprevisto che spezza il silenzio ci dona un motivo per credere che, altrimenti, il sonno sarebbe sopraggiunto.

Quante idee da riordinare, quante riflessioni da ripulire, quanti ragionamenti che potrebbero cambiare tutto ma che finiscono col lasciare tutto come era prima, quanti errori da giustificare, quante fantasie salvifiche da celebrare, quante emozioni da guarire cullandole nell’oscurità.

L’insonnia dunque, non è una mancanza di sonno, ma un eccesso di tante altre cose.

Per ulteriori informazioni potete scrivere a: lorenzo.priore.psico@gmail.com

oppure tramite Whatsapp al 333 8832095

 

Gli incontri verranno condotti da Lorenzo Priore e Martina Ciapini.